Mirella Zangrandi
Nella pittura di Mirella Zangrandi si rileva, prima di tutto, una spontanea e spiccata aderenza al mondo naturalistico, visualizzato nello stilema post-impressionista, come scelta appropriata dello svolgimento di una tematica che apre il proprio discorso sui valori liricizzanti nel contesto paesistico, vissuto di volta in volta in una particolare dimensione estetica, mossa dall'attimo recettivo delle atmosfere ricreanti la poesia dei luoghi reali o d'invenzione, si delinea poi come flusso cromatico di ritmo contino, fino al completamento formale che dimostra come la pittrice bresciana non soltanto sia interprete del fascino dilatato della natura,ma, attraverso una sqquisita sensibilità, riesca a portare sulla superficie dipinta una complessità di stati d'anima,sinonimo di una interiorità maturata dallo spirito di osservazione...

Fotagrafia della pittrice
...la generale campitura è fluida di sensazioni nordiche, ovattate nel silenzio della campagna, dei boschi, degli specchi di acqua, in cui traspare il cielo, filtrato dalle tonalità degli alberi e dall'erbe.... sincerità,semplicità, malinconia,talvolta si fondono in un tutt'uno coordinato dalla logica espressiva, mutevole, seondo un modello della partecipazione sensitiva al soggetto e che si avverte, in particolare, nel dipanarsi della luce che intridele forme e ne movimenta e vivacizza l'elegia discorsiva.
Alberto Morucci