Gianpietro Aiardi

( S. Eufemia--Brescia  1939-1992 )

 

 

AIARDI GIANPIETRO,  Pittura, ( Amatoriale). ( S. Eufemia 1939-1992)  Esordio 1962/67 Curriculum cult. corsi A.A.B Maestri: C. Schinetti, G. Mottinelli, G. Luigi, Braga, L. Sanzeni. Esperienze di lavoro: fornaio Tecniche acquisite: olio, acquerello. Temi ricorrenti: paesaggi, figure, nature morte. Stili: figurativo, chiarista. Estimatore: Bergomi, Rosai... Supporti e mat. us. tavole, telati, tele. Misure ricorrenti: medie/grandi.

 


Aiardi, fin dagli esordi (62-67), si fa individuare come pittore dell' emozione, che vuole saggiare con varie modalitą e tecniche espressive. E' essenziale sia nella scelta dei colori sia nel tratteggio del paesaggio, evocato e vibrane di partecipazione, pił che descritto. Tele e pannelli ritraggono paesaggi, figure, nature morte, giocati tra volumi certi, ma " dilaganti " in forza di un cromatismo struggente.