Giovanni Asti
( 1881 - 1954 )


Giovanni Asti  era un uomo riservato, quasi scontroso all' apparenza, ma di animo nobile e buono, in po timido. Fu allievo del Gusmeri, a Brescia, e si meritò una medaglia d' oro all' Accademia Albertina di Torino dove prosegui' gli studi. Fu vicino a Calandra ed a Contratti e successivamente lavorò con Angelo Zanelli a quel grande monumento che è l' Altare della Patria in Roma. Si dedicò al ritratto, alla figura di genere e conseguentemente, testimonianza di fertile ingegno, scolpi' e fuse monumenti per i caduti; e numerosi paesi della nostra provincia, come Pontevico, Sale Marasino, Gardone V.T., Bedizzole, si arricchirono così' di autentiche opere d' arte che mai indulsero alla facile retorica celebrativa, ma si distinsero per la ricerca dell' essenzialità formale ed espressiva. Con la sua morte, Brescia perdette certamente uno dei suoi più validi scultori.


Il roncaro