Giulio Cantoni
( 1890 - 1968 ) 

Apprendista di Galperti, studia all’accademia di Brera, vince il premio Caijmi, il premio Legato Brozzoni, vive a Bologna dove conosce Morandi. Intorno agli anni 20 si presenta a milano con due personali, peregrinerà per l’l’Italia durante la seconda guerra mondiale per ricominciare l’attività pittorica intorno agli anni 50. Pittore paesaggista fedele alla tradizione dell’ultima scapigliaturanon cedette all’avvicendarsi delle mode mantenendo intatta una luminosa pittura macchiaiola, dei luoghi e delle abitiudini a lui cari.

Fotografia del pittore


Monticelli
(1920)

Cucendo il corredo
(1922)

Lavandaie
(1920/30)

La trebbiatura
(1928)

Il bagno
(1928)

L'omaggio
(1930)

Raccolta del grano
(1934)

Lago di Garda
(1931)

 
Vuoi aiutarci ad ampliare la raccolta di opere di questo autore? 
Visita la sezione del "collabora anche tu"
collabora anche tu