Raffaella Nitto


 
Prendendo come riferimento il pittore inglese William Tumer, che dipingeva la luce e la natura nel suo divenire, la Nitto rappresenta l'energia della luce e del vento, le atmosfere delle diverse ore del giorno e delle stagioni, il riflesso e il dinamismo delle acque lacustri. L'artista si ispira anche al pittore norvegese Edvard Munch, del quale apprezza la forte tensione espressiva. 
La Nitto ha tenuto diverse mostre personali e collettive. Le sue opere sono particolarmente apprezzate in Norvegia, dove ha un'esposizione permanente presso la Galleria Godshuset, nei dintorni di Oslo. Oltre ad aver vinto premi di pittura, l'artista ha ricevuto riconoscimenti anche nel campo della letteratura e della ricerca storica sulla grafica pubblicitaria.

 


Luce arancio (2000)
Acquerello - cm 24x30

Verso l'azzurro (2000)
Acquerello - cm 26x52
 


Luce dorata (2000)
Acquerello - cm 26x52


Tramonto dalla barca (2000) - Olio e sabbia su tavola - cm 61x51
 


I colori dell'autunno (2000) Acquerello
cm 63x93

Tramonto (2000)
Acquerello - cm 64x94
 


Guardando il sole (2000)
Olio su tavola
cm 30.5x41


Temporale sul lago (2000) Acquerello - cm 40x50