>Home page<



 
Ermanno Romano

TELEF. ABIT. 0365/373206
TELEF. CEL.    339/6444272


ERMANNO ROMANO Pittura (amatoriale). Nato a Villanuova S. Clisi (Bs) il 10/02/47 Esordio art.: 1970 Curriculum cult.: Corsi e scuole d' arte Maestri: Angelo Bontempi, Girolamo Tregambe. Incontri.: Armando Tommasi  Associata: Associazione Artisti Valsabbini  Esperienze di lavoro varie: operaio metalmeccanico  Tecniche acquisite: olio, acquerello, grafica, scultura Temi ricor.: Paesaggi  Stili: figurativo, chiarista Rif. grandi maestri: Morandi, De Pisis....Supporti e mat.: tavole, telati, tele. Misure ricorrenti: medie fino a 350 cmq.
 

Recensione: GIULIO MACCARINELLI

Ermanno Romano, Ŕ pittore essenzialmente di paesaggi, anche se nel suo repertorio non mancano figure e natura morta, alle quali comunque sa conferire la profonditÓ propria del paesaggio. Appena si pone davanti l soggetto, subito egli spegne ogni luce sulla scena. Le forme per˛ non scompaiono: anzi, mosse da tenui contrasti d' ombra, riemergono in una sottile trama di verecondo distacco, quasi al di lÓ di un velo che l' artista non osa oltrepassare, ma che trasmettono un sentimento di partecipata contemplazione. Spente le luci, spariscono anche i colori; restano i toni: esangui. Pu˛ sembrare un assurdo parlare di pittura escludendo il colore, eppure quella del Romano Ŕ tale che pare liberarsi dal bisogno del colore, per restare vibrazione di immagine: delle cose gli bastano le sfumature, per coglierne echi di interiore lirismo. Il disegno si dipana senza sussulti, eppure sembra percorso da un fremito nascosto, dove le tonalitÓ distribuite per masse, nella loro fissitÓ sembrano in attesa di lievitare in un improvviso scoppio, di colori o di luce non si sa, pudicamente trattenuto da un sentire accorato e nello stesso tempo sereno. E' consuetudine collocare un pittore in uno "stile". Quello dell' artista bresciano potrebbe essere accostato a molti, ma certamente inquadrato in nessuno. Lui stesso, a richiederglielo, rimane perplesso e confessa candidamente: "Quale stile? Non s˛. Forse il mio!" Ed infatti rimane un mistero come il pittore gavardese, pur avendo attraversato una molteplicitÓ di esperienze: negli studi del Tommasi, o a scuola del Tregambe e successivamente del Bontempi, sia approdato ad uno stile del tutto personale. Pu˛ sembrare pertinente l' accostamento all' arte Crepuscolare. I dati di partenza lo potrebbero avallare, ma lo sviluppo dell' ispirazione ne supera i confini decadentistici. L' arte pittorica del Romano ha qualcosa in pi¨: un soffio che, da sotto un abito spoglio si eleva verso squarci di suggestivo e intramontabile romanticismo.



 Opere
 

 


Vendemmia

cm. 50x60

Olio su tela

 


Contadini della bassa

cm. 50x60

Olio su tela

 


Riflessi sul Chiese

cm. 50x60

Olio su tela

 

Limone di Gavardo

cm. 50x70

Olio su tela

 

Clusane d' Iseo

cm. 50x70

Olio su tela

 

Pisogne

cm. 50x60

Olio su tela

 

 

 

 

 

Maschere di Bagolino

 

 

 

Paesaggio Valsabbia

cm. 50x70

Olio su tela